UA-46852402-1

PRENOTAZIONI ATTIVE. 0424.1945896 | info@nirem.it

Via Campiglio, 22 - Mezzaselva di Roana

Home » Fisioterapia » LA CEFALEA MIOTENSIVA: UNA TERAPIA EFFICACE

LA CEFALEA MIOTENSIVA: UNA TERAPIA EFFICACE

In modo semplicistico, la cefalea è un dolore presente a livello del capo.cefalea-oftalmica

Vengono distinte le cefalee primarie (emicrania, cefalea muscolo-tensiva, cefalea a grappolo) e le cefalee secondarie (secondarie a patologie cerebrali, …) infine le nevralgie craniali, tra cui la nevralgia del trigemino.

La forma più frequente, è senza dubbio la cefalea di tipo tensivo, detta anche da contrazione muscolare, perché causata da una involontaria contrazione dei muscoli del cuoio capelluto, della fronte, delle tempie, del collo, delle spalle per stress o tensione o stato ansioso.

È caratterizzata da un dolore cupo, persistente, costrittivo.

Raramente si associa a nausea e mai a vomito, o a fastidio alla luce o ai suoni; mentre può essere accompagnata da rigidità ai muscoli della nuca o del collo (può aiutare assumere una posizione corretta alla scrivania o cambiare cuscino o materasso) e da manifestazioni ansiose o da umore depresso.

La terapia più efficace per il trattamento delle cefalee è la riabilitazione

Si comincia con una accurata valutazione sia medica che riabilitativa, la quale è in grado di determinare lo stato della muscolatura, lo stato di stress metabolico, la meccanica respiratoria, il tono del sistema nervoso simpatico e parasimpatico. Dopodiché, l’equipe riabilitativa stabilisce una terapia specifica per il problema del paziente

Gli obiettivi più comuni sono:

– ridurre le rigidità e le tensioni miofasciali dei muscoli cervicali.

– correggere alimentazione e stile di vita,

– rieducare il sistema nervoso autonomo.

Altri piccoli accorgimenti che il paziente può svolgere sono:

•bere almeno 2 litri di acqua naturale al giorno. E’ il consiglio più banale, ma una delle principali cause di irrigidimento muscolare è proprio lo stato di disidratazione.

•Utilizzare uno schema alimentare anti infiammatorio e circadiano

•fare attività aerobica, la quale riduce il tono del sistema nervoso simpatico: occorrono almeno 30 minuti di attività continuativa, 2-3 volte alla settimana, preferibilmente al pomeriggio

Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Feedback?

by Bliss Drive Review