UA-46852402-1

PRENOTAZIONI ATTIVE. 0424.1945896 | info@nirem.it

Via Campiglio, 22 - Mezzaselva di Roana

Home » Blog Page

Carta dei Servizi

NIREM di Mezzaselva: la Sanità per Tutti, dal 1933.

L’Istituto offre servizi integrati di riabilitazione globale: visite mediche, servizi di fisiokinesiterapia, servizi di neuroriabilitazione, pacchetti terapeutici. Intendiamo offrire ai nostri ospiti servizi sanitari di qualità, in tempi rapidi, a prezzi accessibili. Per noi, “Privato” non deve essere sinonimo di “Elite”: per questo l’Istituto NIREM offre i propri servizi ai prezzi più bassi del mercato. Lavoriamo da sempre con efficienza per garantire, oltre all’efficacia delle cure, anche un piccolo prezzo alla portata di tutti. Mediante questa Carta dei Servizi, è precisa intenzione del NIREM sancire un patto di garanzia con la popolazione, al fine di erogare le cure riabilitative secondo i principi fondamentali assunti come etica basilare del nostro lavoro.

LA RIABILITAZIONE

La medicina fisica della riabilitazione è quella branca della medicina che si occupa di restituire al paziente la funzione del corpo e della mente che la patologia ha compromesso. L’attività riabilitativa in sé è costituita da tutte quelle metodiche atte al raggiungimento dell’obiettivo riabilitativo che il terapista, a seguito di una corretta valutazione, si prefige come traguardo finale. Tali metodiche, riconosciute a livello internazionale dalla comunità scientifica riabilitativa, nascono dall’esperienza clinica giornaliera di terapisti e medici che si sono dedicati esclusivamente alle cure delle funzioni psicologico-motorie dei propri pazienti.

Non solo, l’attività riabilitativa non va esclusivamente intesa come cura conseguente al danno apportato dalla patologia, ma si deve intendere anche come prevenzione, in tutte le dimensioni che compongono la vita giornaliera di una persona. L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce il concetto di salute come quello “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia”. Vale a dire che il concetto di riabilitazione si estende dal recupero di una funzione persa al benessere emotivo e sociale che l’intervento terapeutico consente di migliorare.

6315543

PROGETTARE LA RIABILITAZIONE

La manifestazione clinica della patologia, ossia la severità con cui essa si manifesta in un paziente, non è mai uguale da persona a persona. Questo comporta la necessità di creare un progetto riabilitativo centrato sul paziente e non sulla malattia. Riteniamo quindi fondamentale porre al centro delle nostre cure la persona con le sue esigenze, e non semplicemente la malattia da curare.

Il progetto riabilitativo è quindi lo strumento principe che permette di centrare in modo specifico le esigenze cliniche di ciascuna persona, avendo esso carattere di organicità, coerenza con la patologia, variabilità, verificabilità continua e sistematica, multidisciplinarietà, integrabilità.

Il progetto riabilitativo, nel rispetto dei principi fondamentali che il NIREM intende rispettare, è quindi trasformato in un programma riabilitativo vero e proprio, completo di esercizi, metodiche e un’ipotesi di tempistica.

Physio-Übung_HKR9206-700x300

ACCESSIBILITÀ

L’idea di costituire preso il NIREM una struttura accessibile apre interpretazioni su più fronti. È ritenuto valido come approccio verso il nostro paziente definire l’accessibilità come un ponte tra patologia e salute sorretto da tre pilastri di ugual importanza. Queste tre colonne portanti si rifanno all’accessibilità della struttura, dove i luoghi della riabilitazione non incontrano barriere architettoniche di alcun tipo e garantiscono la piena fruibilità di tutti gli spazi dedicati all’intervento sanitario; accessibilità del servizio in termini di prezzi, in quanto la struttura intende erogare un servizio di qualità ad una spesa contenuta, nella logica che la prevenzione, la cura e la riabilitazione non assumano un carattere elitario ma siano rivolte a tutta la popolazione; accessibilità della cura in termini di comunicazione, per mettere a disposizione dell’utenza un servizio chiaro nella sua programmazione, trasparente nel rapporto tra operatori sanitari e paziente, facile da usare.

alle-fakten-leistungen-hoeheres-rehabudget

PRINCIPI FONDAMENTALI ALLA BASE DEL SERVIZIO SANITARIO

  • ACCESSIBILITÀ: il NIREM ruota attorno al concetto di “accessibilità totale”: accessibilità nell’assenza di barriere architettoniche, accessibilità nella relazione medico-paziente, accessibilità alle cure grazie ai “prezzi popolari” delle prestazioni sanitarie. L’Istituto garantisce la fruibilità dei suoi spazi in un contesto di assoluta facilità e sicurezza, nel rispetto della disabilità.
  • EVIDENZA SCIENTIFICA: il lavoro dei professionisti del NIREM è strettamente basato sulle evidenze scientifiche che la comunità dei medici e degli specialisti della riabilitazione producono attraverso l’attività di ricerca.
  • CONTINUO AGGIORNAMENTO: il NIREM garantisce l’aggiornamento continuo dei propri operatori al fine di assicurare la migliore avanguardia nell’erogazione della cura.
  • EGUAGLIANZA: i servizi del NIREM sono erogabili a tutti, senza alcuna distinzione di età, sesso, razza, lingua, opinioni politiche, tradizione, condizioni psicofisiche, nel rispetto della deontologia medica tradizionale.
  • IMPARZIALITÀ: il personale che opera al NIREM garantisce la stessa dedizione e lo stesso trattamento a tutti coloro che accedono alla struttura.
  • UMANITÀ: si intende assicurare un trattamento rispettoso delle condizioni personali e sociali di tutti coloro che accedono alla struttura, tenendo conto il più possibile, compatibilmente con la patologia, della tradizione e della cultura della persona assistita.
  • PARTECIPAZIONE: diventa necessario, al fine di garantire la maggior qualità possibile nelle cure, che la persona assistita sia parte integrante del suo percorso riabilitativo, manifestando il suo soddisfacimento sull’efficienza e l’efficacia del servizio erogato.
  • PROFESSIONALITÀ, EFFICIENZA E QUALITÀ: il personale in servizio al NIREM è qualificato e idoneo a svolgere la mansione assegnata nel più alto rispetto della pratica clinica. Il NIREM adotta tutte le accortezze ritenute necessarie al fine di implementare sempre più il grado di efficienza e qualità del servizio erogato.
  • CONTINUITÀ: è compito del NIREM garantire la continuità della cura fino al raggiungimento dell’obiettivo riabilitativo.
  • GLOBALITÀ: dietro al progetto riabilitativo è sempre presente una equipe composta da molteplici figure sanitarie. Esse, nella più stretta collaborazione, adottano tutte le strategie necessarie affinché la persona sia seguita a 360° nel suo percorso riabilitativo. L’approccio che lo staff del NIREM intende sostenere è quello di considerare la persona come un sistema integrato, dove mente e corpo rivestono lo stesso grado di importanza nel costituire quell’insieme di azioni ed emozioni che caratterizzano la vita umana.
  • PRIVACY E SICUREZZA: il personale del NIREM garantisce il trattamento dei dati personali nel rispetto delle normative vigenti.

managed-webinars

DIRETTORE SCIENTIFICO E SANITARIO

  • PROF. G. RIZZATO, Medico Chirurgo

COORDINATORI RESPONSABILI

  • Neurologia, neuroriabilitazione, medicina fisica: PROF. A. FRANCIOSI, Medico Chirurgo
  • Ortopedia e traumatologia: PROF. G. TURI, Medico Chirurgo
  • Neuropsicologia e terapia del dolore: PROF. G. RIZZATO, Medico Chirurgo
  • Psicologia clinica: DR.SSA E. FLORIO, Neuropsicologa
  • Fisioterapia: DR. U. BIONDI, Fisioterapista; DR. M. FILIPPI, Fisioterapista.

Why-Is-Chiropractic-Care-So-Important-For-Senior-Citizens-and-the-Elderly-1-700x300

SERVIZIO SANITARIO

  • AMBULATORIO DI ORTOPEDIA
  • AMBULATORIO DI FISIATRIA
  • AMBULATORIO DI NEUROLOGIA, PSICOLOGIA CLINICA
  • AMBULATORIO DI FIBROMIALGIA E TERAPIA ANTALGICA
  • AMBULATORIO DI MEDICINA SPORTIVA
  • AMBULATORIO DEL CAMMINO
  • CONSULENZA NUTRIZIONALE
  • LA REALTÀ AUMENTATA – NEUROSTIMOLAZIONE – AVS (AUDIO VISUAL STIMULATION)
  • PALESTRE DI FISIOKINESITERAPIA
  • TERAPIA FISICA STRUMENTALE
  • TERAPIA MANUALE
  • MASSOTERAPIA
  • IDROKINESITERAPIA
  • APPLICAZIONE DI TAPE NEUROMUSCOLARE – KINESIOTAPING
  • TERAPIA DEL MOVIMENTO DOLCE – IDROKINESITERAPIA
  • RIEDUCAZIONE ALLA VITA DOMESTICA DEL PAZIENTE DISABILE
  • RIEDUCAZIONE ALLA VITA SOCIALE DEL PAZIENTE DISABILE
  • EDUCAZIONE ALLA FAMIGLIA PER LA GESTIONE DELLA DISABILITÀ
  • TURISMO ACCESSIBILE

1314902_99313658-700x300

LA TERAPIA FISICA STRUMENTALE

La terapia fisica è costituita dall’uso di strumenti che implementano la rigenerazione dei tessuti attraverso varie forme di energia. Diremo che la medicina fisica strumentale sfrutta la scienza fisica comune per destinarla a scopi di natura terapeutica.

È noto che le cellule e i tessuti più in generale rispondono con ottimi risultati alle opportune stimolazioni.

  • LA TERAPIA TERMICA: che prevede la variazione di temperatura dei tessuti (per trasferimento di energia biocompatibile) al fine di implementare il percorso fisiologico della rigenerazione e della funzione cellulare. A tal scopo sono progettate l’ipertermia e la diatermia a radiofrequenze (tipo TECAR®). L’attività biologica si concretizza sia nell’aumento della produzione di ATP (effetto energetico), sia nell’aumento locale dell’afflusso ematico (effetto propriamente termico) che apporta ossigeno e nutrienti per il tessuto. La guarigione vede talvolta dimezzati i tempi, v’è un ottimo effetto rilassante e antidolorifico.
  • LA LASERTERAPIA: che prevede la stimolazione del tessuto attraverso una fonte luminosa amplificata e canalizzata qual è il Laser (“Light Amplification by. Stimolated Emission of Radiation” ossia “Luce Amplificata da un’Emissione Stimolata di Radiazioni”). Gli effetti sono di tipo fototermico, fotochimico e fotomeccanico, che si traducono in un potere antifiammatorio, antiedemigeno, antalgico-analgesico e soprattutto biostimolante (nelle potenze meno elevate).
  • LA TERAPIA AD ONDE D’URTO RADIALI: attraverso il passaggio di un fascio di onde d’urto si ha la capacità di innescare una serie di processi biologici a cascata idonei alla rigenerazione tissutale. I microtraumi indolore che l’onda d’urto apporta ai vari tipi di tessuto accelerano la guarigione. Gli effetti che si ricercano sono di tipo antidolorifico, antinfiammatorio e rigenerante.
  • LA TERAPIA A MEZZO DI CORRENTE ELETTRICA: ai fini terapeutici le correnti elettriche possono essere utilizzate per ristabilire il tono e il trofismo, per la terapia antalgica o per la biostimolazione muscolare. Al variare dell’intensità e del tipo di corrente (galvanica, interferenziale, diadinamica, faradica, di Kotz, TENS) si ha la capacità di intervenire con maggiore accuratezza e precisione sul problema del paziente.
  • LA TERAPIA A MEZZO DEI ULTRASUONI: sono onde sonore superiori a quelle percepibile dall’orecchio umano, in grado di generare delle vibrazioni meccaniche all’interno dei tessuti. Gli effetti sui tessuti sono di tipo termico, cavitazionale e chimico, mentre gli effetti terapeutici ricercati sono iperemico per la rigenerazione, fibrolitico, analgesico, spasmolitico e metabolico.

LA TERAPIA MANUALE

È quell’insieme di metodiche che prevedono il contatto corporeo del terapista col paziente nella risoluzione delle disfunzione muscolo-scheletriche e neuro-muscolari. Trovano inoltre grande applicazione anche nella gestione degli stati dolorosi in ordine a varie patologie.

Ciascuna metodica è frutto dell’esperienza clinica di medici e fisioterapisti che hanno dedicato la loro professionalità alla ricerca scientifica in questo campo, permettendo così la costituzione delle teorie di base sulle quali costruire ogni singola parte del trattamento, dalla valutazione alla terapia.

LA MASSOTERAPIA

Il massaggio a scopo terapeutico è conosciuto sin dall’antichità. L’evoluzione delle pratiche massoterapiche hanno delineato delle strade maestre (sfioramento, percussione, vibrazione, impastamento, frizione e pressione) sulle quali dirigere varie forme di terapia, al fine di stimolare o inibire i vari tessuti trattabili a seconda dell’effetto desiderato. Le tecniche usate sono molteplici e talvolta sovrapposte nella ricerca del più corretto trattamento. Trovano applicazione in moltissimi campi della medicina riabilitativa e sportiva, per tutto ciò che concerne la preparazione della muscolatura nelle varie fasi del gesto atletico (risoluzione delle contratture muscolari, rilassamento generale, drenaggio dei liquidi). La massoterapia riveste anche un ruolo fondamentale nel linfodrenaggio: con le opportune tecniche e l’opportuna manualità è possibile far confluire i liquidi nel sistema linfatico con effetto drenante.

È possibile trattare vari tipi di tessuti come ad esempio i muscoli, i tendini e le fasce.

L’IDROKINESITERAPIA

Ha lo scopo di sfruttare le proprietà fisiche dell’acqua a fini terapeutici. A seconda delle necessità cliniche del paziente, è possibile interpretare la riabilitazione in acqua come un esercizio condotto in un ambiente facilitante (riduzione della forza gravitazionale), oppure sfruttare la resistenza che offre l’acqua per aumentare l’intensità dell’esercizio terapeutico. Con le opportune metodiche, l’esercizio nelle vasche riabilitative migliora la propriocezione, l’equilibrio, normalizza la trofia e il tono muscolare, offre un notevole aiuto al microcircolo superficiale favorendo il ritorno venoso e mitiga gli stati algogeni di varie patologie. Trova largo impiego in molti settori della medicina tra cui quella ortopedica, neurologica e reumatologica.

IL TAPING NEUROMUSCOLARE

È un nastro adesivo, ipoallergenico, privo di principi attivi farmacologici, composto per la quasi totalità da cotone, e in minima parte da un tessuto elastico derivato. È proprio la sua componente elastica che conferisce al cerotto le sue proprietà terapeutiche, andando a modificare la struttura superficiale del tessuto: gli effetti ricercati sono il riassorbimento dell’edema, l’analgesia, il rilassamento, la riduzione dell’infiammazione, la propriocezione, la stabilità articolare.

TERAPIA DEL MOVIMENTO DOLCE

Dedicata a tutti coloro che intendono mantenere o migliorare l’armonia e l’equilibrio psico-fisico attraverso l’uso del proprio corpo, anche in assenza di patologia. Gli esercizi proposti hanno lo scopo di aumentare la percezione del sé corporeo, in particolare di tutti quei distretti del corpo che la vita quotidiana ci fa “dimenticare”. L’obiettivo è quello di migliorare o ripristinare l’elasticità e la tonicità tissutale: l’aumento delle proprie abilità fisiche costituisce uno tra i mezzi più efficaci che permette di vivere in un contesto di serenità interiore, dove mente e corpo integrano vicendevolmente la propria funzione nell’affrontare la vita giornaliera, in termini di semplicità ed efficacia.

TERAPIA OCCUPAZIONALE

Storicamente nasce come riabilitazione delle relazioni interpersonali nel campo della psichiatria e della neuropsichiatria. L’evoluzione ha portato la terapia occupazionale ad essere validamente applicata anche in tutte le altre aree della medicina riabilitativa, il cui obiettivo è centrato sullo sviluppo e il mantenimento della capacità di agire del paziente. È utilizzato come strumento principe il “fare”, con attività strutturabili individualmente o inseribili all’interno di una terapia di gruppo, la cui finalità è quella di coinvolgere nel processo riabilitativo anche l’aspetto relazionale.

RIEDUCAZIONE ALLA VITA DOMESTICA E SOCIALE NELLE DISABILITÀ

Le difficoltà, che emergono nella gestione della persona con disabilità, sono spesso legate alla non conoscenza di utili e semplici strategie necessarie a semplificare le attività all’interno delle mura domestiche. Nel concetto generale che ciascuna persona è tale e unica, tanto nella disabilità quanto nel suo carattere o nel suo gusto, risulta importante e basilare preservare e garantire il rispetto di questa unicità. Essa rappresenta il punto di forza da cui partire in un percorso strettamente personalizzato, con l’obiettivo di lasciare un vero e proprio metodo in cui la persona possa autonomamente sviluppare e sperimentarsi in nuove strategie, all’interno di uno spazio protetto perché sicuro e familiare. Il contesto abitativo deve evolvere in un vero e proprio luogo di serenità nella sperimentazione, dove la facilità stimoli soddisfazione e intraprendenza, dove la calma e la riflessione creino nuove attese, dove la persona si senta gratificata nell’acquisire autonomia e indipendenza.

L’esternalizzazione delle nuove competenze acquisite sia sul piano delle abilità fisiche quanto sul piano delle abilità psicologiche, costituisce il passo immediatamente successivo e imprescindibile a cui far fronte. Accompagnare la disabilità nel mondo vuol dire far in modo che la persona acquisisca competenze per la gestione dei rapporti interpersonali nella vita scolastica, lavorativa, sportiva.

EDUCAZIONE ALLA FAMIGLIA PER LA GESTIONE DELLA DISABILITÀ

La famiglia è naturalmente investita della responsabilità delle cure di tutti i suoi membri, indipendentemente dalla presenza o meno di una figura con diversa abilità: con questo presupposto diremo che la famiglia è la più grande “istituzione assistenziale”, meritevole quindi di tutto il supporto necessario affinché possa assolvere con dedizione ed efficacia alle proprie funzioni, in un contesto di amorevolezza e serenità.

Presso il NIREM è possibile programmare una serie di colloqui con gli specialisti dedicati alla gestione della disabilità, sia nella sua manifestazione fisica che comportamentale.

TURISMO ACCESSIBILE

In collaborazione con l’Azienda Sanitaria ULSS 3, il NIREM inserisce i percorsi strutturati di prevenzione, cura e riabilitazione nel contesto turistico. La persona che accederà a tali percorsi, oltre a fruire delle risorse del territorio offerte dall’Altopiano, troverà piena accoglienza in tutti i suoi bisogni specifici in campo sanitario. La risposta alla “domanda sanitaria” sta nell’accoglienza delle persone in strutture dedicate al turismo accessibile e in momenti giornalieri in cui le competenze tecniche e le qualità relazionali degli operatori coniugano ottimamente il momento clinico al contesto di benessere più generale della vacanza.

Pablo


Feedback?

by Bliss Drive Review